50 - Santarcangelo Festival

E' il 1970 quando il sindaco Romeo Donati, lungimirante amministratore, coinvolge il regista Piero Patino perchè organizzi nel piccolo comune di Santarcangelo di Romagna (quando ancora non esisteva la provincia della vicina Rimini), a una manciata di chilometri dalla riviera, un "Festival di teatro di piazza" che nella sua dicitura riporti anche l'aggettivo "internazionale". E' un incontro di sensibilità politiche, in un'era caratterizzata dalla supremazia del PCI in ambito culturale. Il festival si apre cos? dall'anno successivo al mondo e porta sulle colline romagnole, anzi proprio tra le strade e le piazze della cittadina, le esperienze più d'avanguardia e sperimentali.

2021

DOCUMENTARIO
MELLARA - ROSSI
Roberto Bacci, Antonio Attisani, Ermanna Montanari, Silvio Castiglioni.
01:16
4,90


TRAILER


ACQUISTA

Valuta:

50 anni di storia di un festival unico nel panorama italiano e internazionale
raccontati attraverso la voce dei suoi direttori artistici e dei tanti spettacoli rappresentati
La storia di Santarcangelo Festival, dal 1971, anno della prima edizione, ad oggi. Cinquant’anni di teatro e non solo. Il racconto della più longeva manifestazione italiana dedicata alle arti della scena contemporanea,
attraverso la voce dei suoi direttori artistici e dei tanti spettacoli che si sono avvicendati nelle diverse edizioni.
Tutto questo è “50 – Santarcangelo Festival”, il nuovo documentario della premiata coppia di autori bolognesi, Michele Mellara e Alessandro Rossi, prodotto da Mammut Film in collaborazione con Santarcangelo Festival e Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia e con il sostegno
di Regione Emilia-Romagna, del Comune di Santarcangelo e MIBACT, che debutta come evento speciale in esclusiva sulla piattaforma #IorestoinSALA! il 15, 16 e 17 marzo distribuito da I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection in collaborazione con Sky Arte.
Un racconto appassionato che attraverso preziosi materiali d’archivio e la voce di direttori artistici, attori, critici e pubblico, documenta l’importante esperienza teatrale santarcangiolese e una parte fondamentale
della storia del teatro italiano degli ultimi cinquant’anni, intrecciando le dinamiche teatrali con la storia culturale, sociale e politica dell’Italia.
Si potranno vedere i contributi delle diverse direzioni artistiche che si sono succedute nella conduzione del festival, dal teatro politico degli anni ’70 con Piero Patino, primo direttore di Santarcangelo, alla svolta radicale impressa da Roberto Bacci con il teatro di gruppo o il Terzo Teatro, dalle edizioni a fine anni ‘80 legate al teatro indipendente di Antonio Attisani, al teatro d’attore di Leo De Berardinis, fino ad arrivare a Silvio Castiglioni in co direzione con Massimo Marino, e al teatro contemporaneo, il teatro che si
trasforma in performance, il teatro come arte della scena in senso lato, installazione acustico visiva. In questo spazio danno segno della loro esistenza artisti e gruppi di notevole importanza; tra questi Motus,
Societas Raffaello Sanzio, Kinkaleri, Teatro delle Albe, Teatro Valdoca, Teatri Uniti e Virgilio Sieni.
Le voci dei protagonisti di allora sono tratte da vari repertori d'epoca, tra cui l’archivio della Cineteca di Bologna, Rai Teche, Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia, gli archivi di Santarcangelo Festival, l'archivio di Mario Martone, del Teatro Valdoca, e tanti altri. Ne risulta una
sorta di collage di immagini e musica, di suoni e parole poetiche, di volti e brevi racconti del quotidiano, che nell’insieme restituiscono quello che il festival ha lasciato nell’immaginario visivo degli ultimi 50 anni.
Un utilizzo creativo del materiale d’archivio che fin dagli esordi rappresenta la cifra stilistica di Mellara e Rossi, pluripremiata coppia artistica consolidata da circa vent'anni. Autori eclettici che spaziano dal teatro al
documentario, fino al cinema di finzione, hanno realizzato documentari sui grandi temi del diritto alla salute (Le vie dei farmaci; Vivere, che rischio), della globalizzazione (God save the green; I’m in love with my car),
della vita politica italiana (La febbre del fare), dell’arte e della musica (Musica da lettura) che sono stati proiettati e trasmessi in tutto il mondo ricevendo premi e alimentando partecipate discussioni. Insieme alla
produttrice Ilaria Malagutti hanno fondato 15 anni fa Mammut Film, tra le principali società di produzione di documentari dell'Emilia Romagna.