TOTÒ E DAIANA

Totò è un rinomato chef palermitano che da più di 30 anni lavora a Londra come Food Consultant per i più importanti ristoranti italiani della capitale. Daiana è una ragazza di Ferrara che si è appena trasferita a Londra e per ora fa la parrucchiera da casa. Queste due vite molto diverse si incontrano per caso in un ristorante siciliano, quando un giorno Daiana irrompe all’improvviso. Ha l’urgenza di trovare un televisore per vedere la partita della squadra della sua città, la SpaL, tornata in serie A dopo 50 anni.

Totò involontariamente si trasforma nel “Pigmalione” di Daiana e la aiuta a inserirsi nella nuova città e nella nuova vita. Allo stesso tempo, grazie a Daiana, anche lui comincerà a vedere il mondo con occhi diversi e riacquisterà un po'dell'entusiasmo perso dopo tanti anni di vita da immigrato.

Totò e Diana è un progetto rivolto non solo agli Italiani che vivono a Londra, ma anche agli Inglesi che oggi vivono in questa città ed ha lo scopo di aiutare  sia gli uni che gli altri nel non facile esercizio di capirsi meglio a vicenda. Si tratta della "Puntata Zero" di una web-serie che cerca di esplorare le avventure comuni a tanti italiani che hanno lasciato la patria (la ricerca del lavoro, della casa e l’affascinante e difficile rapporto con una città come Londra e i suoi abitanti).




Anno: 2018
Regia: Riccardo Sai
Genere: Commedia
Durata: 4.16 minuti

373

Valuta:

Condividi:

Marco Gambino
Attore e produttore italiano di origine palermitana, vive a Londra dal 1987. Nel 1980 debutta sulle scene in "Spirito allegro" di Noël Coward.
A Londra affina la propria tecnica frequentando la Douglas Academy of Dramatic Arts e nel 1997 debutta sulla scena londinese apparendo in Search and Destroy di Howard Corder al New End Theatre.
Da allora continua a lavorare con diverse compagnie, recitando sia in inglese che in italiano.
Le sue apparizioni televisive includono: Il Capo dei Capi, Squadra Antimafia, Il giovane Montalbano ed Emmerdale.
Anna Elena Pepe
Anna Elena Pepe è un'autrice bilingue italo-inglese. Ha studiato recitazione alla Guildhall School di Londra. Anna ha sempre creduto nell'immenso potere dello storytelling, e dopo anni di lavoro come attrice ha sentito l'esigenza di essere non solo interprete, ma di raccontare il suo mondo, le sue storie. Ha quindi proseguito la sua formazione studiando sceneggiatura nell'ambito del programma "European Act" diretto da Paul Thomson (professore di Screenwriting alla Tisch School of the Arts di New York) e specializzandosi ulteriormente con corsi internazionali. Essendo cresciuta tra Italia e Inghilterra, troviamo particolarmente presenti nei suoi lavori tematiche come l'immigrazione e la ricerca d'identità. Le sue storie sono caratterizzate da personaggi femminili forti e non convenzionali, delle underdog che, attraverso situazioni difficili raccontate in chiave di commedia, cercano il proprio posto nel mondo, un posto che non è così facile da trovare.
Riccardo Sai

Riccardo Sai è regista, produttore e cameraman. Studia prima a Bologna, dove si laurea al Dams in Storia del Cinema, poi in America, alla New York FilmAcademy dove si specializza in regia e fotografia e infine a Londra. Qui conclude il Master in regia e produzione alla London Film School nella quale si sono formati registi di fama internazionale come Michael Mann, Roger Pratt, Don Boyd e Mike Leigh.
I suoi lavori sono accomunati da un particolare rilievo dato alle problematiche sociali e da un approccio espressivo multi-disciplinare, in cui la sperimentazione visiva e artistica rivestono una particolare importanza.
Il suo approccio versatile combina una grande ricerca dell’inquadratura con una notevole sensibilità musicale, caratteristiche che gli hanno fatto guadagnare, negli anni,esperienza in molti generi: documentario, film, video proiezioni, pubblicità e video musicali. Ha lavorato per enti nazionali ed internazionali tra cui l’Unione Europea, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, The Italian Cultural Institute of London, la Fondazione Pietro Manodori, Agent Provocateur, Adams Kara Taylor, O2, la Provincia Autonoma di Bolzano, The Housing Corporation, Okinawa, la Provincia e il Comune di Reggio Emilia, Spoon Magazine, lavorando con personaggi come Vivien Westwood, LuisBacalov, Wim Wenders, Rita Marcotulli, John Ward e Dita Von Teese. I suoi lavori sono stati trasmessi da Sky Tv, Fashion Tv, proiettati in Germania, Olanda, Giappone, Corea, Italia, Inghilterra e America. Negli anni ha maturato ottime capacità di relazione e grande senso dell'umorismo, qualità che lo aiutano nelle situazioni più complesse. Attualmente vive e lavora tra l’Inghilterra e l’Italia sempre alla ricerca di progetti che rappresentino continue sfide personali.

DICONO DI NOI

Anna Elena Pepe, l’intervista a un astro nascente del cinema e della tv


Premio Crocitti in carriera a Marco Gambino


Totò e “Daiana” al tempo della Brexit