L'ISOLA

Un'isola, un grande prato d'acqua su cui riposano tante piccole case galleggianti, come tende per occasionali campeggiatori. Un ragazzo appena fuggito da un orribile delitto è lì per togliersi la vita. La custode/barcaiola (una Caronte al femminile) di questo strano parco acquatico fa di notte la prostituta fra una casetta e l'altra. Ma poi conosce lui, smette. Li attrae la disperazione reciproca, il bisogno di cercare e trovare qualcosa.

2000
Corea del sud
Drammatico
Kim Ki-Duk
Jung Suh, Yoo-Suk Kim, Sung.Hee Park, Cho Jae-hyun, Hang-Sun Jang
86min
3,90
V.O. CON SOTTOTITOLI


TRAILER


ACQUISTA

Valuta:

Fotogallery

L'acqua che li divide è il liquido dal quale tutti pescano, nel quale tutti depositano i propri escrementi, è il simbolo della vita ma anche lo spazio che separa le esistenze l'una dall'altra. In due differenti momenti di disperazione cercano il suicidio con un gruppo d'ami: lui mettendoselo in bocca, lei nel pube. Ma come se fossero pesci finiscono per "pescarsi", incontrarsi, amarsi. Si dovranno liberare da alcuni fardelli, prima: lui del poliziotto che è venuto a cercarlo fin lì, lei della prostituta che si è innamorata di lui. Le loro due "isole" di solitudine diventano una sola (solitudine?), anche se questo non impedirà comunque il consumarsi di un (possibile) dramma finale. Le due sequenze degli ami, insieme ad altre in cui i due protagonisti squartano dei pesci e delle rane vive sono di violenza espressiva inusitata. Si tratta peraltro di sequenze narrativamente utili, soprattutto all'interno di un paesaggio umano e geografico così silente. In piena linea con molto cinema orientale (da Tsai Ming Liang - Taiwan - a Wong Kar Wai - Hong Kong), dove a parlare, a volte ad "esplodere", sono i vuoti.


Potrebbe interessarti anche:

La tragica storia d'amore tra una giovane prigioniera ebrea ad Auschwitz e un ufficiale delle SS austriache.


Jeon Do-yeon è una giovane donna in carriera, sposata con Choi Min-sik con cui ha da poco avuto una bambina. Il marito, licenziato da poco e in cerca di un nuovo lavoro, la trascura e passa le giornate davanti alla tv o in fumetteria, così Bora inizia una focosa relazione clandestina con Ju Jin-ho, un collega di lavoro. Nonostante la donna si senta ben presto stressata dalla sua doppia vita perché incapace di reggere l'inganno e la relazione sia scoperta in breve tempo dal marito, la loro relazione sembra procedere come prima, finché un giorno...

L’amore familiare e? come un business. Un uomo viene ingaggiato per interpretare il padre scomparso di una bambina di 12 anni, il fotografo per un’aspirante modella e il genitore di una sposa il giorno del suo matrimonio. Ma non solo. “Le persone dicono che sono un po’ come un camaleonte. Ogni giorno devo interpretare molti ruoli diversi. La mia agenzia e? chiamata Family Romance”, dice il protagonista interpretato dall’attore e performer Yuichi Ishii. Un film sui rapporti umani, sui social network, sulla realta? e la finzione. Werner Herzog torna al cinema con un film sperimentale, girato interamente in Giappone, fuori concorso all’ultimo Festival di Cannes